Stampa

KR, RIPARTIRE DAI QUARTIERI

Una segreteria che si è protratta per quasi tre ore quella convocata dal Segretario cittadino Sergio Contarino nel pomeriggio del 29 maggio e allargata ai rappresentanti dei comitati di quartiere della città. Oggetto della discussione il proseguimento delle attività nelle periferie cittadine e la proposta da presentare all’amministrazione comunale del regolamento indispensabile a far nascere a Crotone, come già virtuosamente avvenuto in altre realtà locali, la Consulta dei comitati di quartiere, organismo consultativo indispensabile per ampliare la partecipazione dei cittadini alla vita politica ed amministrativa della città. Al centro del ragionamento, la volontà del partito di farsi da tramite, presso l’amministrazione comunale, delle problematiche vissute nelle diverse periferie e condividere al massimo le scelte e le eventuali decisioni per porre rimedio alle richieste di maggiore vivibilità dei luoghi e degli ambienti di chi oggi, complice anche una disattenzione che va indietro nel tempo, si sente di fatto al margine della città. Del resto la volontà di partecipare attivamente sia alla vita del partito che dell’amministrazione da esso guidato, è stato ampiamente dimostrato anche nelle recenti elezioni europee, con un dato elettorale che proprio in quei quartieri dove da tempo è stato avviato un positivo confronto con i comitati ha premiato con percentuali di voto altissime il PD.

Proprio le elezioni europee e la prima analisi dei flussi elettorali è stata oggetto, inoltre, di una seconda riflessione da parte dei dirigenti intervenuti, nella quale è stato evidenziato il confortante dato percentuale, un dato che assume valore anche in presenza di un innegabile diffuso astensionismo che ha caratterizzato il voto in città. Tuttavia nonostante ciò il PD di Crotone ha saputo mobilitare la propria gente cogliendo nel segno quelle che erano le principali argomentazioni sul tavolo della discussione politica, che vedeva contrapposte due idee di politica (quella delle idee del PD e quella delle critiche ad ogni costo e degli insulti del Movimento cinque stelle) e due idee di Europa (quella dei popoli e della partecipazione a quella della burocrazia e della austerity). L’analisi politica del voto è stata utile in prospettiva dell’imminente convocazione dell’assemblea cittadina che come tradizione del PD sarà il momento politico più adeguato a fare un approfondita riflessione politica di quanto emerso dalle elezioni dello scorso 25 maggio.

Stampa

KR, APPELLO PER LE EUROPEE


La Federazione del Partito Democratico della provincia di Crotone, comunica a tutti i dirigenti, gli iscritti e simpatizzanti che lunedì19maggio prossimo alle ore 18:00 presso la sede di via Panella è convocato un attivo provinciale in vista delle elezioni per il rinnovo dell’europarlamento. L’occasione sarà utile a presentare il programma del PD-PSE per la costruzione di una nuova Europa più solidale e vicina ai cittadini.

Di seguito l'appello del vice segretario del Pd Crotone, Giuseppe Dell'Aquila.

 

“L'Europa ha bisogno di persone capaci, serie, convintamente europeiste e sostenitrici dei valori solidali del socialismo europeo”. Giuseppe Dell’Aquila – Vice Segretario del Partito Democratico della Provincia di Crotone - rileva l’importanza di avere un interlocutore serio al Parlamento europeo con il quale potere affrontare i tanti problemi delle comunità italiane,  con cui potere individuare, di volta in volta delle risposte adeguate, alla enormità delle problematiche, soprattutto del nostro territorio.

 

“Siamo consapevoli dell’importanza di questo appuntamento che tende ad essere sottovalutato, vista la scarsa motivazione al voto che sembra al momento percepirsi, ma noi dobbiamo assolutamente evitare di giocare di rimessa come se dovessimo difendere l’attuale status quo, perché ricordiamocelo – e ricordiamolo – quella di oggi, che sta suscitando tutti questi risentimenti è l’Europa di Barroso e della Merkel, non la nostra, le politiche restrittive e punitive sono state le ricette del Popolarismo di lingua tedesca e non già dei Socialisti Europei che noi sosteniamo, sostenendo Schulz alla guida della Commissione. Dobbiamo avere la capacità di comunicare una visione positiva dell’Europa come vogliamo che sia e come già in gran parte è: uno dei luoghi migliori dove vivere nel mondo, dove i diritti sociali e individuali sono garantiti, certo c’è da migliorare e nasconderlo sarebbe una sciagura. Ma non sarà possibile fare ciò che si rende necessario, urlando slogan volgari e non prospettando alcuna seria proposta. In sintesi, è importante far capire che l’alternativa non è tra Europa-Euro sì e Europa-Euro no, ma che la strada è una Europa unita e forte, unica possibilità di reggere il confronto con le grandi economie mondiali, ma diversa perché attenta alla qualità della vita delle sue popolazioni.

 

A noi, spetta anche un altro difficile compito, cioè quello di contribuire a rendere la nostra Provincia o Area Vasta che dir si voglia, più europea. Portare nel dibattito Politico Europeo, quei temi che contribuiscono negativamente  all’isolamento più disperato del nostro comprensorio, puntare a risolvere con più  e meglio “Europa” molti dei nostri atavici problemi.

 

Il nostro senso di responsabilità deve, necessariamente, prevalere in questi ultimi giorni di campagna elettorale in tutto il territorio crotonese. Con uno spirito unitario e costruttivo, che metta all’angolo le fasi aspre dell’ultima campagna congressuale, e che vedano un Partito unito, forte, ed impegnato a sconfiggere il populismo pieno di nulla di Grillo da una parte ed i Scopelliti dall’altra.  La vera forza del PD è da sempre il saper farsi carico dei problemi reali della gente, fare rete e saper ritrovare al momento giusto lo spirito di un Partito volto a far emergere il Bene Comune. Non possiamo lasciare al populismo, che tanto male ha fatto all’Italia, la possibilità di far proprio quel senso di disagio e difficoltà che tutti noi avvertiamo quotidianamente. Quindi a tutto il Popolo del PD della Provincia di Crotone un forte in bocca al lupo, ed un invito a camminare unito e con spirito convincente e propositivo. Facendo così vincere il PD, il Sud, l’Italia e l’Europa del Bene Comune”.

 

Stampa

KR, ATTIVO CITTADINO SUI FONDI COMUNITARI

A ridosso delle elezioni europee, appuntamento che storicamente desta minore interesse presso i cittadini italiani, il PD crotonese volendo evitare una campagna elettorale incentrata solo sulle consuete polemiche politiche tra schieramenti, per sensibilizzare i propri iscritti e simpatizzanti sul reale valore che in questo preciso momento politico rivestono le elezioni per il rinnovo dell’europarlamento, la segreteria cittadina del PD ha proposto nella serata di ieri 13 maggio un attivo dal titolo: “L’Europa dei giovani e dei popoli” , dedicato al tema dei fondi comunitari e delle tante opportunità che l’Europa offre ai giovani e più in generale ai cittadini italiani.

L’iniziativa alla quale hanno partecipato numerosissimi iscritti e dirigenti del PD, ha visto tra l’altro il qualificato intervento di Salvatore Orlando stimato e riconosciuto esperto di fondi comunitari che ha potuto descrivere alla platea le numerose occasioni che la programmazione 2014-2020 offre ad una regione obiettivo uno come la Calabria. Si è potuto apprendere le tante difficoltà che negli anni scorsi hanno caratterizzato la programmazione comunitaria in Calabria , ma anche ascoltare suggerimenti ed intendimenti per migliorare la capacità di spesa dei fondi da parte delle amministrazioni locali.  

Ad introdurre i lavori della serata Sergio Contarino segretario cittadino del PD, che ha voluto incentrare il suo intervento sulle azioni messe in campo dall’amministrazione comunale di Crotone in tema di fondi europei, e non ha lesinato critiche al governo regionale che con il suo inattivismo in materia non ha di certo brillato nel campo della programmazione precedente. Il  Segretario provinciale Arturo Crugliano Pantisano da parte sua ha invece richiamato alla necessità impellente di una maggiore concertazione tra i soggetti chiamati a collaborare nella stesura dei nuovi progetti che sono previsti dalle misure dedicate dalla nuova programmazione.  

A seguire numerosi interventi, a riprova del forte interesse destato dal tema. Le conclusioni dei lavori sono infine state affidate a Peppino Vallone, Presidente regionale del PD e Sindaco della città, che ha richiamato l’esigenza forte di costruire per il futuro un Europa ispirata più ai popoli che non alle banche concorrendo fattivamente a rafforzare il concetto stesso di cittadini europei. Come sempre nell’ottica della maggiore apertura possibile all’esterno, all’attivo sono stati invitati a partecipare i rappresentanti delle maggiori sigle sindacali, quelli dei comitati di quartiere già istituiti in città e con i quali il PD ha avviato un positivo rapporto ormai da qualche tempo , numerosi rappresentanti del mondo dell’associazionismo e della cooperazione e una delegazione di Giovani Democratici che hanno presentato agli intervenuti i programmi europei rivolti ai giovani tra cui: “Erasmus +” .

Crotone 13 maggio 2014

Segreteria cittadina PD Crotone

DOVE SIAMO